Antonio Scurati presenta il libro Il padre infedele

Il padre infedele

domenica 13 ottobre, ore 15:00
Caffè Pedrocchi - Sala Rossini

ANTEPRIMA NAZIONALE

Con Sergio Frigo

ore 15.00 Caffè Pedrocchi Sala Rossini
Antonio Scurati
Il padre infedele
anteprima nazionale

Antonio Scurati, Il padre infedele
In Libreria 2 Ottobre


“Forse non mi piacciono gli uomini”. Il giorno in cui tua moglie, all’improvviso, scoppia a piangere in cucina, è una piccola apocalisse. Uno di quei giorni in cui la tua vita va in frantumi ma giunge, anche, per un attimo, a dire se stessa. E allora Glauco Revelli, chef di un ristorante blasonato, maschio di quaranta anni, padre di una figlia di tre, va alla ricerca della propria verità di uomo. Dall’ingresso nell’età adulta, l’innamoramento, la costruzione di una famiglia, la nascita e l’accudimento di una figlia, fino al disamore della moglie (che gli si nega dal momento del parto) e al ritorno feroce degli insaziabili demoni del sesso, tutto è passato in rassegna dal suo sguardo implacabile e commosso, uno sguardo che da scandalo perché demolisce il perbenismo ipocrita oggi dominante.
Con Il padre infedele Antonio Scurati scrive il suo libro più personale, infiammato dal tono accorato della confessione e, al tempo stesso, il romanzo dell’educazione sentimentale di una generazione. Una generazione cresciuta nel benessere per poi scoprirsi improvvisamente povera, che ha messo al mondo pochi o nessun figlio, che ha rinnegato il maschio e mortificato la femmina, una generazione che ha creduto alle favole sbagliate; il romanzo dei nuovi padri, venuti dopo il “tramonto del padre”, incapaci di ereditare il mondo e di lasciarlo in eredità ai figli. Non il romanzo dei nostri padri ma il romanzo di noi come padri, noi madri mancate, costretti a inventarci ogni giorno, a contenderci l’affetto dei figli, noi che viviamo di questo affanno e della gioia immensa di chi ha imparato la tenerezza delle culle.

ANTONIO SCURATI è ricercatore all'Università IULM di Milano e coordina il Centro studi sui linguaggi della guerra e della violenza. Editorialista della “Stampa”, ha scritto i saggi Guerra. Narrazioni e culture nella tradizione occidentale (2003, finalista al Premio Viareggio) e Televisioni di guerra (2003). Bompiani ha pubblicato, in versione aggiornata, il suo romanzo d’esordio Il rumore sordo della battaglia (2006), i saggi La letteratura dell’inesperienza (2006), Gli anni che non stiamo vivendo (2010) e i romanzi Il sopravvissuto, con cui l’autore ha vinto la XLIII edizione del Premio Campiello, Una storia romantica (2007, Premio SuperMondello), Il bambino che sognava la fine del mondo, finalista al Premio Strega 2009. Del 2011 è il romanzo, uscito sempre per Bompiani, La seconda mezzanotte.

Condividi con i tuoi amici su:
Caffè Pedrocchi - Sala Rossini

Via 8 Febbraio, 15 - Padova

Schede degli autori