Pino Roveredo

Pino Roveredo è nato nel 1954 a Trieste da una famiglia di artigiani: il padre era calzolaio. Dopo varie esperienze ( e salite) di vita, ha lavorato per anni in fabbrica. Operatore di strada, scrittore e giornalista, collaboratore del “Piccolo” di Trieste, fa parte di varie organizzazioni umanitarie che operano in favore delle categorie disagiate. Tra le sue opere, Capriole in salita (1996), La città dei cancelli (1998), Schizzi di vino in brodo (2000), da cui lui stesso ha tratto una stesura teatrale rappresentata al Festival di Lodi. Pino Roveredo è nato nel 1954 a Trieste da una famiglia di artigiani: il padre era calzolaio. Dopo varie esperienze (e salite) di vita, ha lavorato per anni in fabbrica. Operatore di strada, scrittore e giornalista, collaboratore del “Piccolo” di Trieste, fa parte di varie organizzazioni umanitarie che operano in favore delle categorie disagiate. Tra le sue opere, pubblicate da Bompiani, la raccolta di racconti Mandami a dire (2005, Premio Campiello, Premio Predazzo, Premio Anmil, Premio “Il campione”) e Capriole in salita (2005). Ha scritto inoltre : Una risata piena di finestre (1997), i romanzi La città dei cancelli (1998) e Ballando con Cecilia (2000), e i testi teatrali La bela vita (1998) e Centro Diurno/Le fa male qui? (2000). Con la raccolta di racconti Mandami a dire (Bompiani 2005) ha vinto il 43° Premio Campiello.

Condividi con i tuoi amici su: