Nadia Maria Filippini

Nadia Maria Filippini, dottorata in Storia presso l’Ecole des Hautes Etudes, già docente di Storia delle donne presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, insegna nel corso di “Donne, politica, istituzioni” presso lo stesso ateneo. È tra le socie fondatrici della Società Italiana delle Storiche, di cui è coordinatrice della Sezione del Veneto. Ha dedicato le sue ricerche alla storia delle donne, pubblicando, oltre a numerosi saggi in lingua italiana e straniera, i libri: Noi, quelle dei campi. Identità e rappresentazione di sé nelle autobiografie di contadine veronesi del primo Novecento (Torino, Gruppo Editoriale Forma, 1983); La nascita straordinaria. Tra madre e figlio: la rivoluzione del taglio cesareo (sec. XVIII-XIX) (Milano, Franco Angeli, 1995); Maria Pezzè Pascolato (Sommacampagna, Cierre, 2004). Ha curato, tra gli altri, i volumi: Donne sulla scena pubblica. Società e politica in Veneto tra Sette e Ottocento (Milano, Franco Angeli, 2006) scrivendo il saggio Donne sulla scena politica: dalle Municipalità del 1797 al Risorgimento; Una democrazia incompiuta. Donne e politica in Italia dall’Ottocento ai nostri giorni (con Anna Scattigno; Milano, Franco Angeli, 2007); L’altra metà del Risorgimento. Volti e voci di patriote venete (con Liviana Gazzetta; Sommacampagna, Cierre, 2011); Spazi, poteri, diritti delle donne a Venezia in età moderna (con Anna Bellavitis e Tiziana Plebani; Verona, Quiedit 2012). Tra le sue pubblicazioni più recenti: Illuministe, giacobine e patriote a Verona, in Paola Lanaro, Alison Smith, Verona al femminile (Sommacampagna, Cierre 2013). Amor di patria e pratiche di disciplinamento. Ermina Fuà Fusinato, in Di generazione in generazione. Le italiane dall’Unità a oggi, a cura di M.T. Mori, A. Pescarolo, A. Scattigno, S. Soldani (Viella, Roma, 2014).

Condividi con i tuoi amici su: