Rodolfo Costa

Nato a Canove di Roana (Vicenza) il 19 Gennaio 1949, è residente a Padova in Via S. Pietro 59. Si è laureato in Scienze Biologiche presso l'Università di Padova nel Marzo 1973. Nel 1975, assolti gli obblighi di leva in qualità di ufficiale degli alpini, ha iniziato l'attività di ricerca presso il Laboratorio di Genetica dell'Istituto di Biologia Animale dell'Università di Padova.
Professore incaricato di Zoologia generale presso la Facoltà di Agraria dell'Università di Padova dal 1979 al 1981, dal 1982 è Professore Associato di Genetica presso la Facoltà di Scienze dell'Università di Padova. Nel Novembre 1994 è chiamato come Professore Straordinario di Genetica presso la Facoltà di Scienze dell'Università di Lecce. Nel Novembre 1997 è chiamato come Professore Ordinario di Genetica presso la Facoltà di Scienze dell'Università di Padova.
Insegna Genetica II e Neurobiologia nel Corso di Studio in Biologia Molecolare. Tiene il corso di Genetica per la Scuola di Specialità in Anatomia Patologica della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Padova. E' docente per le Scienze della Vita nel Master in giornalismo "A. Lago" dell'Università di Padova. Attualmente è membro del Consiglio Direttivo della Scuola di Dottorato in Bioscienze e Biotecnologie dell'Università di Padova.
Svolge con regolarità attività di divulgazione scientifica ed in questa veste ha collaborato all'organizzazione di numerosi eventi culturali nell'ambito del Festival della Scienza di Genova. Dal 2006, è membro della giuria del premio letterario per la divulgazione scientifica "Galileo", istituito dal Comune di Padova.
E' membro dell'Associazione Genetica Italiana (AGI), di cui è stato Presidente, e della Society for Research on Biological Rhythms (SRBR), la società americana di Cronobiologia. Nel 2011 è stato eletto accademico olimpico ordinario dalla Accademia Olimpica (Vicenza).
Da parecchi anni la sua attività di ricerca ?oncentrata in particolare sull'analisi genetica, molecolare, fisiologica e comportamentale dell'orologio biologico circadiano in diversi organismi modello. L'attività di ricerca si è anche sviluppata nel campo della genomica funzionale, utilizzando il moscerino della frutta (Drosophila melanogaster) come modello per lo studio di geni omologhi di geni umani implicati in particolare nella genesi di malattie mitocondriali. I risultati delle sue ricerche sono stati regolarmente presentati in occasione di seminari, congressi internazionali e invited lectures (tra queste, due invited lectures alle Gordon Conference del 2007 in Chronobiology e del 2008 in Genes and Behavior). Le ricerche sono state finanziate dalla Unione Europea nell'ambito del CEC Science Plan, dell'EC-Biotechnology programme e del VI programma quadro, dal MURST/MIUR, dal MIPA (Ministero per le politiche agricole), dall'ASI (Agenzia Spaziale Italiana), dal CNR, dall'Università di Padova, dalla Fondazione CaRiPaRo e da Telethon.
R.C. svolge attività di peer reviewer per numerose riviste scientifiche (Genetics, Human Molecular Genetics, FEBS Letters, Journal of Biological Rhythms, Chronobiology International, Genetica, Cellular and Molecular Life Sciences, J. Neurobiology, Genetical Research, Hereditas, PLoS Biology, PLoS Computational Biology, Molecular Biology and Evolution; Molecular Biology Reports, Genesis, Cell and Tissue Research) e per diverse Agenzie di finanziamento della Ricerca (Ministero per l'Università e la Ricerca, Telethon, European Union, ERC, Grant Agency of the Academy of Science of the Czech Republic, Technology Foundation STW-Holland, and the Israel Science Foundation).

Condividi con i tuoi amici su: