Chiara Cataldi

Prima bevi il tè, poi fai la guerra, un anno a Kabul

Lontano dai toni apocalittici che spesso leggiamo sui giornali, Chiara Cataldi racconta con leggerezza un anno di lavoro a Kabul. Della ricerca di spensieratezza anche dove regnano dolore e distruzione, delle difficoltà di vivere a Kabul tra bombe e giardini pieni di rose, tra stress e posti di blocco, cercando un equilibrio
in una terra sull’orlo del baratro.
Perché l’Afghanistan, nonostante la guerra e grazie al suo popolo, rimane una terra bellissima.

Condividi con i tuoi amici su: