Andrea Casalegno

Andrea Casalegno nasce nel novembre del 1944 a Torino, dove vive. Laureato in diritto penale nel 1968 con Marcello Gallo, prosegue gli studi con Norberto Bobbio. Nel 1973, lasciata l’università, comincia a lavorare presso la casa editrice Einaudi come redattore per le traduzioni dal tedesco. La spinta verso l’impegno politico viene da Lettera a una professoressa, il libro in cui gli allievi di don Milani, il priore della scuola di Barbiana, denunciano l’ingiustizia della «scuola di classe», che perpetua e aggrava le differenze sociali. Per questo aderisce all’occupazione di Palazzo Campana, sede delle facoltà umanistiche dell’Università di Torino. Nel 1968 lavora con il Psiup. Negli ultimi mesi del ’68 e nel 1969 è di leva. Entra come militante in Lotta continua, il più numeroso fra i gruppi della sinistra extraparlamentare, all’inizio del 1972, e vi resta fino ai primi mesi del 1977, quando l’organizzazione comincia a dissolversi. Per dieci anni condivide le esperienze di tutti i militanti, i cortei contro la guerra del Vietnam, le occupazioni, le assemblee fra studenti e operai, le discussioni di gruppo, i volantinaggi alle porte delle fabbriche, qualche mese di prigione e di latitanza, ma senza partecipare allo stile di vita collettivo. In quel senso i Casalegno (Betta e Andrea si sono sposati nel ’70, nel ’71 è nato Nicola, nel ’74 Roberto) sono una famiglia del tutto tradizionale. Betta collabora con l’Archivio cinematografico della Resistenza, poi frequenta il corso di terapista della riabilitazione e lavora in vari ospedali piemontesi. Andrea traduce dal tedesco saggistica e letteratura: Gregorovius, lo storico della città di Roma nel Medioveo, Lukács, gli Inni di Lutero, Nathan il Saggio di Lessing, il Faust di Goethe, i racconti di Kleist, testi di Robert Musil, Elias Canetti, Joseph Roth, Hans Magnus Enzesberger, Erich Fried. Lasciata l’Einaudi nel 1985, inizia a collaborare con «Il Sole 24 ORE» con un’inchiesta sulla mancata riforma dei licei. Per il supplemento culturale «Il Sole-24 Ore Domenica» scrive di editoria e di letteratura tedesca. Viene assunto dal quotidiano nel 1987. Per alcuni anni cura la pagina «In vetta», che affronta i problemi della montagna: dove continua ad andare tutte le volte che può.
Condividi con i tuoi amici su: